fbpx

In questo periodo concitato molte persone si stanno chiedendo se questo nuovo virus sia trasmissibile dagli animali da compagnia. Per questo abbiamo deciso di scrivere questo articolo sul coronavirus e animali da compagnia (cani, gatti, ecc).

Iniziamo con il definire nel dettaglio cosa è il coronavirus:

La malattia provocata dal nuovo Coronavirus ha un nome: “COVID-19” (dove “CO” sta per corona, “VI” per virus, “D” per disease e “19” indica l’anno in cui si è manifestata). Lo ha annunciato, l’11 febbraio 2020, nel briefing con la stampa durante una pausa del Forum straordinario dedicato al virus, il Direttore generale dell’Oms Tedros Adhanom Ghebreyesus.

Il virus che causa l’attuale epidemia di coronavirus è stato chiamato “Sindrome respiratoria acuta grave coronavirus 2” (SARS-CoV-2). Lo ha comunicato l’International Committee on Taxonomy of Viruses (ICTV) che si occupa della designazione e della denominazione dei virus (ovvero specie, genere, famiglia, ecc.).

Fonte: OMS – Organizzazione Mondiale Sanità

Il coronavirus è quindi un nuovo ceppo virale respiratorio. Un virus che si sta diffondendo dalla Cina e che si è affacciato anche in Europa, fino all’Italia. Vediamo norme igieniche da seguire per evitare situazioni spiacevoli.

Norme igieniche

Norme igieniche da tener presenti per evitare situazioni di contagio sono:

  • lavarsi spesso le mani con acqua e sapone o con soluzioni a base di alcol per eliminare i virus;
  • mantenere una distanza di almeno un metro dalle altre persone (quando tossiscono/starnutiscono o se hanno la febbre, perché il virus è contenuto nelle goccioline di saliva e può essere trasmesso col respiro a distanza ravvicinata);
  • evitare di toccarsi occhi, naso e bocca con le mani se presenti febbre, tosse o difficoltà respiratorie;
  • se si ha febbre, tosse o difficoltà respiratorie e si è stati di recente in Cina o in stretto contatto con una persona ritornata dalla Cina e affetta da malattia respiratoria segnalalo al numero gratuito 1500, istituito dal Ministero della salute.
  • Bisognerebbe anche starnutire o tossire in un fazzoletto o con il gomito flesso, utilizzare una mascherina e gettare i fazzoletti utilizzati in un cestino chiuso immediatamente dopo l’uso e lavarsi le mani.

Coronavirus e animali da Compagnia

A seguito di test e ricerche approfondite sembra non esserci nessuna prova che il virus possa trasmettersi da animali da compagnia (cani o gatti, ecc.). Sembra quindi che possiamo stare tranquilli e vivere al meglio i nostri pelosi, senza però dimenticarsi di fare comunque attenzione.

Ovviamente le buone norme igieniche (lavarsi spesso le mani e non toccare occhi, bocca e naso) devono comunque essere rispettate per evitare a monte situazioni di rischio. Cercate inoltre di evitare di baciare i vostri cani per avere una maggiore sicurezza.

Come anche confermato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, sul teme coronavirus e animali da compagnia:

No, al momento non vi è alcuna evidenza scientifica che gli animali da compagnia, quali cani e gatti, abbiano contratto l’infezione o possano diffonderla. Si raccomanda di lavare le mani frequentemente con acqua e sapone, o usando soluzioni alcoliche dopo il contatto con gli animali.

OMS – Organizzazione Mondiale della Sanità

 

Per approfondimenti/fonti:


1 commento

Andrea · 24 Febbraio 2020 alle 15 h 37 min

Grazie per l’articolo! Molto utile;)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *