fbpx

Primavera alle porte? Parola d’ordine: Prevenzione

Il sole e i primi caldi che cominciano ad arrivare non invogliano solo noi e i nostri cani ad andare per prati, ma anche i parassiti !
Nelle prossime settimane impareremo a conoscerli tutti e capiremo come difendere i nostri più fedeli amici dalle malattie che questi parassiti possono causare:
1. Filariosi cardiopolmonare
2. Leishmaniosi
3. Parassiti esterni
4. Parassiti interni

Approfondiamo oggi il primo tipo di malattia.

Filariosi Cardiopolmonare

E’ una malattia parassitaria causata da Dirofilaria immitis, un nematode (verme tondo) di colore bianco-grigio trasmesso ai cani e ai gatti dalle zanzare attraverso il pasto di sangue. La prevalenza nel gatto è di molto inferiore a quella riscontrata nel cane.

E’ una zoonosi, cioè una malattia che può colpire anche l’uomo, ma per fortuna molto rara.
Quando un cane viene punto da una zanzara infetta, le microfilarie (larve di filaria) migrano nel sottocute dove possono rimanere per 3-4 mesi, per poi entrare nel torrente circolatorio e raggiungere le arterie polmonari dove diventano parassiti adulti. Dopo 6-7 mesi dall’infestazione le femmine adulte rilasciano le microfilarie nel circolo ematico, dove potranno essere assunte dalle zanzare durante il loro pasto di sangue.

I cani con una bassa carica parassitaria in genere non manifestano sintomi, mentre cani con un’infestazione massiva possono manifestare:

  • intolleranza all’esercizio fisico,
  • debolezza,
  • difficoltà respiratoria,
  • tosse cronica.

Se la malattia non viene trattata può aggravarsi provocando insufficienza cardiaca destra e, a lungo andare, portare l’animale alla morte.
La filariosi cardiopolmonare è diffusa ormai su tutto il territorio nazionale e tutti i cani, anche quelli che vivono in casa, sono a rischio: basta una sola puntura di zanzara infetta a provocare la malattia.

Conclusione

Risulta quindi fondamentale proteggere i nostri cani da questa malattia attraverso una corretta PREVENZIONE nei mesi da Aprile a Novembre compreso. Chiedi al tuo medico veterinario, lui saprà consigliarti la profilassi migliore per il tuo cane!!!

Consiglio: generalmente le zanzare pungono i cani nelle zone più glabre (canna nasale, punte delle orecchie, zone ascellari, addome) quindi oltre alla profilassi che vi consiglierà il vostro veterinario, potrebbe essere utile tenere alla larga le zanzare attraverso l’utilizzo di repellenti naturali sotto forma di spray(es: Olio di Neem, Citronella).

 

Articolo scritto da: Dott.ssa Valentina Favilli, Medico Veterinario


0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *