fbpx

Vacanza con il cane si o no?

Quando il cane è parte integrante della famiglia, le sospirate vacanze diventano uno dei tanti momenti da condividere con lui. Sono tante le famiglie che ogni anno si organizzano per poter portare il proprio beniamino con sè e questo non può essere altro che motivo di felicità vista la dolente piaga dell’abbandono che affligge ogni estate. Andare in vacanza con il cane oggi è possibile anche grazie al fatto che negli ultimi anni sempre più alberghi, campeggi, residenze e ristoranti sono diventati dog friendly.

Nel progettare le vacanze però è necessario organizzarsi al meglio, in modo da garantire al nostro cane un costante benessere e divertimento. 

Vacanza con il cane: 9 consigli utilissimi

  1. Scelta della destinazione. Se decidiamo di portare il cane con noi si presuppone che desideriamo renderlo partecipe delle nostre giornate quindi assicuriamoci di scegliere luoghi e attività anche a lui dedicati!
  2. Pensare al viaggio. Importante è che il cane sia abituato al mezzo di trasporto che scegliamo. Se la nostra meta prevede un viaggio in aereo bisogna assicurarsi che il cane (se di media/grossa taglia) sia pronto a separarsi da noi per essere messo in stiva e questa non è una cosa così scontata. Se invece viaggiamo in nave o in treno è molto più facile che possa stare con noi in cabina e quindi, oltre a rassicurarlo, riusciremo anche a capire se soffrirà d’ansia o di nausea . In tal caso è consigliabile chiedere al proprio veterinario il farmaco più adatto. Se scegliamo l’auto che, a mio modesto parere rappresenta il mezzo più adatto per il cane, è importante che si sia abituato gradualmente con percorsi brevi in modo da non soffrire di cinetosi.  Ricordiamoci che in auto il cane deve viaggiare in sicurezza, non può essere libero di girare nell’abitacolo, per cui sarà necessario munirsi di apposito trasportino, griglia separatrice o apposita cintura di sicurezza.
  3. Ricordare i documenti. Così come noi non possiamo scordarci la carta d’identità anche il nostro cane dovrà essere accompagnato da:
    • libretto sanitario: su cui saranno riportate tutte le vaccinazioni e ovviamente il microchip che è obbligatorio per legge.
    • certificato di buona salute: con il quale il veterinario attesterà che il cane sta bene e che non ha sintomi riferibili a malattie infettive.
    • passaporto: è obbligatorio solo se si decide di andare all’estero. Si deve richiedere all’ASL competente per il territorio in cui si abita dopo aver fatto eseguire dal veterinario la vaccinazione antirabica. Questa vaccinazione deve essere fatta almeno 21 giorni prima della partenza quindi è bene pensarci per tempo!
  1. Essere in regola con la prevenzione dei parassiti. Che si scelga mare o montagna  è fondamentale proteggere il nostro cane da pulci, zecche, zanzare e pappataci che possono veicolare gravi malattie.
  2. Preparare la valigia di Fido. Oltre a pensare al cibo da portarsi dietro è bene avere una ciotola e delle bottiglie d’acqua da usare durante il viaggio. Inoltre non bisogna dimenticarsi pettorina e guinzaglio, museruola e sacchetti raccogli feci. Se il nostro cane è abituato a dormire sulla sua brandina, portiamocela dietro, lo farà sentire più a suo agio. Infine non dimentichiamoci i suoi giochi preferiti!!!
  3. Preparare l’astuccio dei farmaci. Se il nostro cane è sottoposto a terapie è bene non dimenticarsi i farmaci a casa. Sarà utile portarsi dietro anche disinfettanti e garze da usare in caso di bisogno. Ricordiamoci anche i fermenti lattici, perchè alle volte il cambio d’aria, lo stress del viaggio o l’acqua di mare può causare diarrea.
  4. Informarsi sulla struttura veterinaria più vicina al luogo in cui trascorreremo le vacanze. In caso di emergenza è sempre meglio avere dei numeri utili alla mano!
  5. Se andiamo al mare. Possiamo scegliere di andare in spiaggia libera assicurandoci che non ci siano ordinanze comunali e/o regionali che vietino l’accesso ai cani oppure possiamo scegliere una spiaggia attrezzata apposta per loro. L’ideale sarebbe evitare le ore più calde, ma comunque bisogna sempre assicurare al cane una zona d’ombra e acqua. Fare attenzione che non ingerisca la sabbia, essendo ruvida può causare infiammazioni gastrointestinali oppure, compattandosi in intestino, può causare costipazione e stitichezza. A fine giornata il cane avrà bisogno di una buona doccia con risciacqui abbondanti per portare via il sale e la sabbia che potrebbero causare irritazioni. Se vediamo gli occhi arrossati o se il cane scuote spesso le orecchie sarà bene rivolgersi al veterinario.
  6. Se andiamo in montagna. La migliore vacanza per il cane perchè potrà correre libero e felice al fresco, sempre facendo attenzione ad eventuali pericoli. Durante le nostre passeggiate potremmo imbatterci in molti animali selvatici per cui è bene avere sempre il cane sotto controllo. Se si decide di andare sopra i 2000 metri l’ossigeno disponibile sarà minore e il cane potrebbe manifestare difficoltà respiratoria. In soggetti affetti da problemi cardiaci o respiratori (es. cani brachicefali come il bouledogue francese) questi problemi possono insorgere già a bassa quota.

 

In conclusione penso che andare in vacanza con il cane sia un’esperienza bellissima, garantendo il benessere del nostro compagno a quattro zampe. La vacanza deve essere priva di pericoli e soprattutto divertente per entrambi!

Articolo scritto dalla Dott.ssa veterinaria Valentina Favilli


0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *